A GROSSETO NON CI RESTA CHE PIANGEREMagliano in Toscana è un piccolo comune in provincia di Grosseto che ha prestato una delle sue spiagge come location per girare una scena del film “Non ci resta che piangere” scritto, diretto ed interpretato da Roberto Benigni e Massimo Troisi nel 1984.
Saverio (Roberto Benigni) e Mario (Massimo Troisi) lavorano nella stessa scuola elementare, il primo come maestro, il secondo come bidello. Ritornando verso casa i due decidono di prendere una scorciatoia per raggirare un passaggio a livello, ma sbagliano strada e finiscono per ritrovarsi nel 1492. Dopo il naturale spavento iniziale, cominciano a convivere ed integrarsi con quella realtà, diventandone parte integrante tra varie disavventure cercando addirittura di fermare Cristoforo Colombo che in quell’anno si accingeva a partire alla scoperta delle Americhe.
La location in questione è la spiaggia di Cala di Forno, che nel film rappresenta una spiaggia di Palos in Andalusia, ed è dove Benigni e Troisi si recano per fermare Cristoforo Colombo prima cha parta con le tre celeberrime navi. Purtroppo arriveranno in loco a partenza già avvenuta non riuscendo nel loro intento.
Due anni prima la stessa location è stata utilizzata anche nel film “In viaggio con papà” di Alberto Sordi.
Cristiano (Carlo Verdone), da anni membro di una comunità per la salvaguardia del gabbiano, approfitta di una sosta a Roma per fare visita al padre che non vede da tempo, Armando (Alberto Sordi). Questi, che si appresta a partire con la sua giovanissima amante, cerca in tutti i modi di liberarsi dell’ingombrante presenza del figlio ma alla fine è costretto lui stesso ad accompagnarlo in Corsica, luogo in cui è diretta la comunità del gabbiano.
Cala del Forno è la spiaggia nella quale si accampa la comunità per la salvaguardia del gabbiano e dove padre e figlio decidono di ripartire e continuare il viaggio assieme.