ATTILA AD AQUILEIAL’invasione degli Unni e la conquista di Aquileia da parte di Attila hanno lasciato una profonda traccia nella storia italiana. Tutt’ora possiamo trovarne prova nei modi di dire comuni del territorio, infatti chiamiamo “Attila” le persone particolarmente violente o aggressive.
Numerose sono le leggende nate su questo personaggio in relazione alla città di Aquileia, possiamo citarne tre:
1- “L’assedio”. Aquileia stava opponendo una dura resistenza agli invasori. Attila stava quasi per ordinare ai suoi la ritirata, quando vide allontanarsi in volo delle cicogne con i loro piccoli. Compreso che ormai la città non aveva più le provviste necessarie per sfamare la popolazione, mantenne l’assedio ancora per qualche giorno e riuscì a conquistarla.
2- “Il colle”. Una volta incendiata la città Attila, ormai lontano, diede ordine ai guerrieri di portare della terra nei loro elmi e di riversarla in un punto prestabilito. I soldati erano molto numerosi ed in breve tempo riuscirono a formare una collinetta con la terra riportata, sulla quale Attila poté osservare i fumi elevarsi dalla città incendiata. Si dice che il colle sia quello di Udine, su cui sorge il castello, ma anche altre località della regione “pretendono” di avere la stessa origine.
3- “Il pozzo d’oro”. Alcuni abitanti di Aquileia erano riusciti a fuggire prima dell’incendio, trovando rifugio nell’isola di Grado. Prima della fuga però avevano fatto scavare ai loro schiavi un pozzo in cui avevano nascosto tutti i tesori e gli oggetti d’oro. Per mantenere il segreto gli schiavi furono annegati, e il pozzo d’oro mai ritrovato. Questo mito era ritenuto talmente verosimile che, fino alla prima guerra mondiale, i contratti di compravendita dei terreni includevano la clausola “Ti vendo il campo, ma non il pozzo d’oro”, assicurando l’eventuale ritrovamento al precedente proprietario.