LAGO D’AMPOLACivitella del Lago meriterebbe per la sua locazione geografica, forse anche il nome di Civitella Belvedere. Dai suoi 476 mt. s.l.m. apre gli occhi sulla Media Valle del Tevere dominando l’attuale Lago di Corbara, ed identificando all’orizzonte i confini territoriali che vanno dai Monti Cimini (Lazio) all’Amiata (Toscana).
I suoi cieli azzurri e l’aria purissima ne fanno il centro più caratteristico della direttrice Todi-Orvieto. Antico borgo medievale sorto su blocchi di travertino bianchissimo, le sue estati profumano di grano e di frumento mentre gli autunni hanno il sapore del mosto spumeggiante e dell’oliva nera pungente.
Alle sue spalle monti boscosi e suggestivi borghi rurali fino a raggiungere, oltrepassata l’aspra Gola del Forello, la medioevale città di Todi. Al di là del lago di Corbara sorge l’etrusca città di Orvieto.
Questa città ogni anno è visitata da molti turisti amanti del turismo rurale, infatti le strutture più richieste di Orvieto sono gli agriturismi. Scegliere un agriturismo a Orvieto significa trascorrere una vacanza tra storia, arte e natura. Ma quello che colpisce in modo particolare i turisti è senz’altro il panorama mozzafiato che si può ammirare affacciandosi dalle antiche mura del Castello di Civitella che delimitano a sud Piazza Belvedere.
Chi vi si affaccia, spazia con lo sguardo su un vasto panorama che dalla città di Orvieto giunge all’Oasi di Alviano. Sull’orizzonte si taglia la città di Montefiascone e nelle giornate più limpide è visibile anche il Monte Amiata, insomma, tre regioni in uno sguardo.