Fondata dai Romani nel II secolo a. C. con il nome di Forum Livii all’incrocio della via consolare con la strada che portava in Toscana, la città è situata nella parte orientale della Pianura Padana lungo la Via Emilia, a pochi chilometri dalle località balneari della riviera adriatica (km 30-35) e ai piedi delle verde colline dell’Appennino tosco-romagnolo. Forlì conserva tracce significative sia dell’epoca romanica sia di quella rinascimentale, che ha visto Caterina Sforza signora incontrastata della città. Notevole è anche la presenza di un ricco patrimonio del periodo razionalista degli anni venti e trenta.

Città d’arte dunque, ma non solo: sede di un importante Polo universitario con facoltà di prestigio, dell’aeroporto “Ridolfi” collegato a scali nazionali e internazionali, di un Centro polifunzionale a valenza regionale, la Fabbrica delle Candele, dedicato alla creatività e alla formazione giovanile.

Tipico esempio di cittadella medievale Bertinoro, domina un suggestivo paesaggio la cui vista si estende fino al mare. E’ considerata la ‘Città dell’ospitalità’ per la tradizione della Colonna dai dodici anelli, ognuno corrispondente a una delle antiche famiglie, deputata ad ospitare il forestiero che, arrivando, vi legava il cavallo.

Lungo la Valle del Rabbi, si incontra Predappio, circondata da pregiati vigneti da cui si ricava il Sangiovese doc. Ampliata tra gli anni Venti e Quaranta del Novecento, si presenta come un vero e proprio “Museo urbano”, originale testimonianza degli stili urbanistici e architettonici del Razionalismo.