I GIARDINI DELLA REGGIA DI CASERTALa Reggia di Caserta, o Palazzo Reale di Caserta, è una dimora storica appartenuta alla casa reale dei Borbone di Napoli, proclamata Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.
Situata nel comune di Caserta, è circondata da un vasto parco nel quale si individuano due settori: il giardino all’italiana, in cui sono presenti diverse fontane e la famosa Grande Cascata, e il giardino all’inglese, caratterizzato da fitti boschi.
In termini di volume, la reggia di Caserta è la più grande residenza reale del mondo con oltre 2 milioni di m³. Copre una superficie di 47.000 m².

Il Giardino all’italiana
Il Giardino all italianaNell’area del Giardino all’italiana con le spalle al Palazzo reale sulla sinistra, si giunge alla Peschiera Vecchia, costruita nel 1769 e voluta da Ferdinando IV per dilettarsi con piccole battaglie navali, mentre la Castelluccia, prima che fosse adibita ad abitazione per scampagnate, era il centro delle finte battaglie terrestri. Nella vasca, si allevavano i pesci che venivano serviti alla mensa reale.Tale vasca, venne realizzata sotto la direzione dall’architetto Collecini, durante l’assenza del maestro, che realizza come responsabile generale dei lavori. Collecini si dedica alla costruzione della Peschiera nel parco e rimoderna l’edificio della Castelluccia, nell’estremità orientale del bosco, trasformandolo in padiglione di giochi per il diciottenne re Ferdinando. Nel 1789 termina la costruzione della grande vasca con un isolotto al centro che per le sue dimensioni (270 x 105 m.), chiamata poi Peschiera Grande.La vasca presenta una pianta rettangolare delimitata da un parapetto interrotto da imbarcaderi che si affacciano sullo specchio d’acqua.
Il luogo, era destinato alle esercitazioni per le battaglie navali del piccolo Ferdinando IV e prevedeva l’impiego di modellini appositamente costruiti. Al centro della vasca si distingue, sotto la folta vegetazione, un isolotto detto la “pagliara”, che doveva contenere un padiglione con frecce e cannoncini, poi trasformato in luogo per l’intrattenimento degli ospiti. Le batteglie navali si svolgevano nella “Peschiera Grande” e consistevano in un assalto che il re in persona, a capo di una flottiglia di barche, conduceva contro la “pagliara” che sorgeva sull’isolotto, munita come un fortino di “saettiere” e cannoncini. Per la manutenzione della “flotta” erano stati trasferiti appositamente un congruo numero di marinai, i “Liparoti” originari dell’isola di Lipari per i quali era stato costruito un apposito quartiere nei pressi della “peschiera”. Durante le simulazioni militari, seppur in piccola dimensione, furono utilizzati dei veri e propri cannoncini, fuli e mortai.
Si tratta di un lago artificiale costruito nel Parco della Reggia nell’anno 1769 dall’architetto Collecini. Il lago, con un isolotto al centro, è lungo 270 metri, largo 105 e profondo 3,50. Tra il 1769 e il 1773, progettato per il divertimento del Re Ferdinando IV, vi si svolgevano finte battaglie terrestri e marittime con modelli di navi in scala ridotta. Vennero anche insediati in delle abitazioni nei pressi della vasca dei marinai con le loro famiglie; “Liparoti” per poter organizzare i giochi nautici. Oggi attorno al lago ideale per i modelli a vela, i casertani sono soliti praticare jogging. Dal 2002, grazie alla associazione culturale-sportiva CVR sez. di Caserta, alla Soprintendenza, al MIUR Ufficio Provinciale si svolgono ogni anno i Giochi Sportivi Studenteschi di Vela Radiocomandata “Radio Sailing”. Caserta è la sede dell’associazione di classe velica Phigit Italia, sezione italiana della Classe velica internazionale Phigit.
Attualmente i cittadini casertani effettuano jogging attorno alla vasca e grazie al CVR Caserta asd CONI ed il MIUR provinciale si effettuano dal 2003 i Campionati Studenteschi di Vela Radiocomandata (Radio Sailing). Poco distante si trova la Castelluccia, una sorta di fortezza in miniatura edificata nel 1769 per il divertimento e, forse, l’istruzione militare dei Principi reali. In origine, la torre ottagonale, il ponte levatoio, e soprattutto, una cinta bastionata, rendevano chiaro il carattere militare (sia pure di gioco) della struttura. Ma, nel 1819 la trasformazione dei bastioni in giardini ha modificato il disegno iniziale.

Il Giardino all’inglese
Il Giardino all ingleseAll’interno del parco fu realizzato da John Andrea Graefer un giardino voluto dalla regina Maria Carolina d’Asburgo-Lorena, moglie di Ferdinando IV, secondo i dettami dell’epoca che videro prevalere il giardino detto “di paesaggio” o “all’inglese”, sottolineatura dell’origine britannica di spazi il più possibile fedeli alla natura (o almeno alla sua interpretazione secondo i canoni del Romanticismo).
La regina fu convinta da sir William Hamilton, inviato straordinario di sua maestà britannica presso il Regno delle Due Sicilie il quale, per individuare l’esperto progettista del giardino, si rivolse a sir Joseph Banks, noto per gli studi botanico-naturalisti e per aver partecipato con il capitano James Cook alla leggendaria spedizione dell’Endeavour. La scelta cadde su John Andrew Graefer, figura di spicco tra i botanici anglosassoni, allievo di Philip Miller. Graefer era noto nell’ambiente botanico internazionale anche per aver introdotto in Inghilterra numerose piante esotiche, alcune delle quali dal remoto Giappone.
L’opera di John Andrea Graefer cominciò nel 1786 e consentì al giardino di formarsi, di anno in anno, con piante e sementi individuate a Capri, Maiori, Vietri, Salerno, Cava dei Tirreni, Pedemonte, Agnano, Solfatara, Gaeta. Nel1789, mentre proseguiva il suo lavoro al Giardino Inglese, Graefer pubblicò in Inghilterra il Catalogo descrittivo di oltre millecento Specie e Varietà di Piante Erbacee e Perenni.
Il giardino è caratterizzato dall’apparente disordine “naturale” di piante (molte le essenze rare e, comunque, non autoctone), corsi d’acqua, laghetti, “rovine” secondo la moda nascente derivata dai recenti scavi pompeiani. Di spicco, il bagno di Venere, il Criptoportico, i ruderi del Tempio dorico.
Le fontane del parco sono alimentate dall’Acquedotto Carolino, che fu inaugurato nel 1762 da re Ferdinando IV. Quest’opera che attinge l’acqua a 41 km di distanza è, per la maggior parte, costruita in gallerie, che attraversano 6 rilievi, e 3 viadotti (molto noto quello denominato “I ponti della Valle” sito in Valle di Maddaloni, di 60 metri di altezza e 528 metri di lunghezza, ispirato agli acquedotti di epoca romana).
Il suo autore, John Andrea Graefer, lasciò la Reggia di Caserta il 23 dicembre 1798 imbarcandosi sulla nave dell’ammiraglio Horatio Nelson insieme alla famiglia reale in fuga dall’arrivo dei francesi. Il giardino fu curato negli anni successivi dai tre figli di Graefer che presero in fitto il giardino dal Direttorio francese di Napoli e lo curarono salvandolo dalla rovina.