L'UMBRIA E LE PRIME AUTOMOBIILe prime automobili si videro in Umbria allo scadere del secolo scorso. La prima auto entrò in Perugia l’11/8/1898. Era una vettura a tre ruote, che portava due persone e una terza dietro. Certo Federico Benigni, inviato dall’Emporio ciclistico, la prelevò alla stazione, salì in città e percorse il Corso. Forse era una De Dion Bouton, non è certo. Raggiungeva i 40 chilometri orari! Essa fu acquistata da Ferruccio Fruttini, che, nel giugno 1900, vi seguì la corsa ciclistica Firenze-Acquapendente. Antonio Sereni fu il secondo a Perugia ad avere una auto ed era a 4 ruote, nella primavera del 1899: una Benz a un solo cilindro. La benzina allora si prendeva in farmacia e costava una lira al libro (ma crebbe subito). Il primo giro automobilistico in Umbria passò nel maggio 1901: a Terni il 4, a Perugia il 5: era composto di 32 vetture e c’era perfino una chauffeuse! Le prime patenti automobilistiche furono rilasciate dal Genio Civile di Perugia nel 1902 (l’ingegnere non sapeva guidare!). Il 21 settembre di quell’anno fu tenuta la prima gara perugina: da Madonna del Piano al Frontone (8 chilometri): vinse uno lanciato a 45 l’ora. Ci parteciparono pure le motociclette, che raggiunsero i 60 orari. A fine 1903 le patenti di automobile
erano già 27. In campagna questi nuovi mostri venivano presi a sassate, perché spaventavano i polli. Nel 1909 lo Stato dettò un regolamento nazionale: 15 orari negli abitati, 40 fuori (ridotti a 20 di notte), da 100 a 200 lire di multa (oggi: 100 o 350 mila lire). Alle auto registrate a Perugia (per l’Umbria) fu dato il numero rosso. Intanto qualche omnibus-automobile prese a far servizio da città a città: uno dei primi TodiPerugia. La prima auto di piazza a Perugia fu attivata da Marino Rocchi nel marzo 1912. Le patenti rilasciate dal 1902 al 1914 dal Genio Civile di Perugia per la provincia dell’Umbria furono 1400. Con l’ottobre 1914 fu tolta la facoltà a Perugia e si doveva ricorrere a Roma o ad Ancona.
Nel 1924 si disputò la Coppa perugina, che ebbe quattro edizioni, fino al 1927: vi parteciparono i grandi campioni Clerici, Bommartini, Fagioli, Borzacchini, Macerati, Nuvolari, Se Sterlich, Brilliperi, Materassi. Fu ripresa nel 1948, come giro dell’Umbria e durò fino al 1954.