Ancora circondata dai pini marittimi amati da D’Annunzio, la più importante città d’Abruzzo per commercio e industria sorge allo sbocco del fiume Pescara.
PESCARANata sulle fondamenta di Aternum, porto per le genti italiche dei Vestini e dei Marrucini, la città assunse il nome di Piscaria solo nell’Altomedioevo. Pescara cessò di essere una semplice cittadella fortificata solo alla fine del’’800, quando lo smantellamento del castello e la costruzione della ferrovia ne avviarono lo sviluppo urbano. L’aspetto attuale è quello di una vivace città moderna distesa ordinatamente sul lungomare e ornata da splendide spiagge. Il pittoresco porto-canale è sempre affollato di pescherecci. Tra i pochi monumenti degni d’interesse vale ricordare la Casa di G. D’Annunzio e il Museo delle Genti d’Arbuzzo.