SAN MARCOAttorno al 1507, il fornaio Piero Tasca, trovò un morto pugnalato per strada e fu incolpato di quell’omicidio. Dopo crudeli torture volte a farlo confessare, fu giustiziato davanti al lato sud della Basilica, poco prima che si venisse a scoprire la sua innocenza. Da allora, due lumini rossi sono accesi tutte le notti fra due archi della Basilica, di fronte al punto in cui c’era il patibolo come perenni scuse della città a quella vittima innocente.