VERONA_2Non è difficile distinguere tra la Verona storica, romana e poi medievale, che si snoda elegante tra due anse dell’Adige, in splendida posizione tra la pianura e i rilievi, e la Verona moderna, produttiva e industriale, che le è sorta attorno espandendosi verso i tanti centri della sua provincia. Storicamente Verona è la città dell’amore, di Catullo e Shakespeare, ma è anche crocevia verso il Tirolo e il mondo germanico, il nodo di congiungimento tra Lombardia e Veneto. Della Verona antica rimangono i notevoli monumenti dell’Arena e del Teatro Romano, anche se l’impronta caratteristica della città è quella della signoria Scaligera, che vi fece vivere uno dei momenti fondamentali del Rinascimento. È questa la Verona delle Arche Scaligere e del Castelvecchio, del palazzo della Ragione e della Loggia del Consiglio. La storia di quei secoli è lunga e complessa, ricca di cambiamenti. Il successivo dominio di Venezia portò a un periodo di grande benessere che produsse opere d’arte grandissime e permise di terminare le fabbriche delle molte splendide chiese cittadine che, mostrando ancora oggi le diverse fasi della loro realizzazione, offrono ineguagliabile testimonianza della vivacità dell’arte in questa città. Avvenne così che chiese come il duomo o S. Anastasia si trasformarono in veri e propri scrigni preziosi, colmi di opere d’arte.